RUBRICHE

Testimoni di una passione
whatsapp
Serie A - 8^Giornata
Sabato, 19. Ott. 2019 | 18:00
Napoli H. Verona
Napoli VS H. Verona
20
Marcatori
Serie A - 7^Giornata
Domenica, 06. Ott. 2019 | 18:00
Torino Napoli
Torino VS Napoli
00
Marcatori
Serie A - 6^Giornata
Domenica, 29. Set. 2019 | 12:30
Napoli Brescia
Napoli VS Brescia
21
Marcatori
Serie A - 5^Giornata
Mercoledì, 25. Set. 2019 | 21:00
Napoli Cagliari
Napoli VS Cagliari
01
Marcatori
Serie A - 4^Giornata
Domenica, 22. Set. 2019 | 15:00
Lecce Napoli
Lecce VS Napoli
14
Marcatori
Serie A - 3^Giornata
Sabato, 14. Set. 2019 | 18:00
Napoli Sampdoria
Napoli VS Sampdoria
20
Marcatori
Serie A - 2^Giornata
Sabato, 31. Ago. 2019 | 20:45
Juventus Napoli
Juventus VS Napoli
43
Marcatori
Serie A - 1^Giornata
Sabato, 24. Ago. 2019 | 20:45
Fiorentina Napoli
Fiorentina VS Napoli
34
Marcatori
HOME » News » Insigne, ancora a rischio la sua presenza agli Europei. Buone possibilità per Jorginho

Insigne, ancora a rischio la sua presenza agli Europei. Buone possibilità per Jorginho

News
Insigne, ancora a rischio la sua presenza agli Europei. Buone possibilità per Jorginho
News
Redazione CNR di Redazione CNR
facebook
Pubblicato il 20/05/2016 | 10:30

L’Italia è una specie di cantiere, col ct Conte che sembra essere travolto da dubbi amletici


Riportiamo da: Il Mattino

Tra un mese e mezzo andrà al Chelsea, eppure continua a chiamare gente nuova neppure dovesse toccare a lui il compito di gettare le basi per il futuro della nostra Nazionale. Probabilmente (ma qui, ormai, tutti tolgono il probabilmente) toccherà a Giampiero Ventura il compito ad agosto di guidare l’Italia verso la Russia e il mondiale del 2018. 

Magari proprio con Fabio Cannavaro alla guida dell’Under 21.Conte ha voluto veder da vicino le nuove leve, i volti nuovi espressi dal campionato. E allora uno vicino all’altro ci sono Pavoletti, Sportiello e, per l’appunto Izzo. In quella mattina di festa a Scampia, il sorriso di Izzo è passato quasi inosservato: i bimbi e i loro entusiasti genitori erano troppo presi a scattar foto ai Cannavaro e a Lippi per potersi dedicare a quel ragazzotto che in fondo è cresciuto lì e che spesso va in giro per quei palazzoni color grigio. 

La tuta azzurra dell’Italia gli dona, non c’è che dire. «È Fabio Cannavaro il modello di difensore a cui mi ispiro. È un onore essere un suo amico e dare una mano alla sua Fondazione. Ma mi piace tanto anche Nesta: il suo stile non era secondo a nessuno».Napoli, di sicuro, non insorgerà se Izzo non dovesse essere convocato. Anche se, e Conte farebbe bene a ricordarlo, le squadre coraggiose nascono da scelte coraggiose. Ma magari ci sarà qualcuno che storcerebbe il naso (per esempio Sacchi) nel caso in cui nella lista dei 23 che verrà diramata lunedì sera, non comparirà il nome di Lorenzo Insigne. 

Sempre ai margini del gruppo Conte, la sua chiamata avrebbe una certa logica e non sarebbe certo un ripescaggio: è vero che ha finito la stagione in leggero calo, ma è stato ottimo protagonista nella parte iniziale e centrale della stagione. Prima con Benitez e poi anche con Sarri, ha allungato la copertura di fascia e potrebbe proporsi anche come esterno offensivo di centrocampo. Il ct anche ieri ha insistito nel provarlo nel tridente sul lato sinistro. 

Esattamente come lo utilizza Sarri. Lui ha svolto al meglio i compiti assegnati. D’altronde, Lorenzo ha orgoglio sfrontato da campioncino vero che divampa nelle notti speciali. E anche a Coverciano, in questi giorni, ha mostrato di essere in gran forma. Quanti sono in Italia i giocatori che possono cambiare la vita con una giocata? Eppure Conte non sembra far pazzie per Lorenzo, non pensa che sia un giocatore irrinunciabile, di quelli intorno a cui far ruotare l’Italia. 

Magari andrà meglio con Ventura.Izzo, che con Insigne e Immobile compone la colonia di napoletani che sognano l’Europeo è chiaramente al settimo cielo. De Rossi lo ha già messo sotto la sua ala protettiva. Scherza. «Ne devi fare di strada per arrivare a 101 presenze…». In effetti, ad Armando basterebbe già partire per la Francia. D’altronde come Pavoletti («Potrei essere il nuovo Pablito») e il giovanissimo Sportiello, in odore di Napoli. 

«Sono reduce dalla prima stagione da titolare, e mi sembra davvero una gioia infinita essere qui a giocarmi la possibilità di un posto alle spalle di Buffon. Il Milan, facendo giocare Donnarumma, ha mandato un segnale importante a tutte le big: i giovani non hanno paura delle responsabilità. E neppure io ne ho». Sa del Napoli, conosce le voci che lo vogliono a un passo dal divenire il vice di Reina. Ma la prende alla larga. «Ora spero solo di convincere Conte. Non è facile. Ma se sono qui, vuol dire che qualche possibilità ce l’ho anche io». Tra quelli con cui ha scherzato di più nelle ultime ore è stato proprio Jorginho. Magari si è fatto spiegare come è la vita a Napoli.

Fonte: Il Mattino


SOCIAL
LEGGI ANCHE
20/10/2019 | 21:00 26
verona.jpg
Serie A
23/10/2019 | 14:00 12
redbull salisburgo.jpeg
Champions League
21/10/2019 | 08:00 32
milik.jpg
News