RUBRICHE

Testimoni di una passione
whatsapp
Serie A - 8^Giornata
Sabato, 19. Ott. 2019 | 18:00
Napoli H. Verona
Napoli VS H. Verona
20
Marcatori
Serie A - 7^Giornata
Domenica, 06. Ott. 2019 | 18:00
Torino Napoli
Torino VS Napoli
00
Marcatori
Serie A - 6^Giornata
Domenica, 29. Set. 2019 | 12:30
Napoli Brescia
Napoli VS Brescia
21
Marcatori
Serie A - 5^Giornata
Mercoledì, 25. Set. 2019 | 21:00
Napoli Cagliari
Napoli VS Cagliari
01
Marcatori
Serie A - 4^Giornata
Domenica, 22. Set. 2019 | 15:00
Lecce Napoli
Lecce VS Napoli
14
Marcatori
Serie A - 3^Giornata
Sabato, 14. Set. 2019 | 18:00
Napoli Sampdoria
Napoli VS Sampdoria
20
Marcatori
Serie A - 2^Giornata
Sabato, 31. Ago. 2019 | 20:45
Juventus Napoli
Juventus VS Napoli
43
Marcatori
Serie A - 1^Giornata
Sabato, 24. Ago. 2019 | 20:45
Fiorentina Napoli
Fiorentina VS Napoli
34
Marcatori
HOME » News » Insigne bello e insostituibile: sempre più decisivo e sempre meno intermittente

Insigne bello e insostituibile: sempre più decisivo e sempre meno intermittente

News
Insigne bello e insostituibile: sempre più decisivo e sempre meno intermittente
News
Redazione CNR di Redazione CNR
facebook
Pubblicato il 20/02/2017 | 10:00

La maturazione di Insigne, forse, è giunta a compimento. Ha ritrovato le misure della stagione scorsa, ha dimenticato la vicenda contratto


Riportiamo da: ilnapolista.it

La condizione assoluta espressa da nelle ultime partite ci spinge a formulare un interrogativo: Lorenzo Insigne è arrivato al punto di maturazione definitivo? Al di là del lavoro in allenamento che potrà fare da qui fino al termine della sua carriera, Insigne è questo qui? Così forte, così maturo, così decisivo? Oppure è ancora intermittente, mentalmente influenzabile dagli eventi, non ancora “pronto” a essere davvero un leader, quantomeno tecnico?

Ovviamente, sono domande retoriche. Non c’è risposta, non può esserci. Insigne, come tutti i calciatori di questo mondo, vive di periodi. Cioè, le sue doti non cambiano e non andrebbero mai messe in discussione. Il rendimento sì, invece. È capitato persino a Messi, anche Maradona è stato fischiato a Napoli. Non c’è necessità di crucciarsi, i calciatori più fantasiosi possono vivere momenti di appannamento. Ma poi tornano.

Il vecchio Insigne, il nuovo Insigne

Ecco, Lorenzo è tornato. Ha saputo riprendersi la sua scena, ha saputo recuperare le sue migliori misure di sempre. Quelle dell’inizio dello scorso campionato, che raccontano di assist e gol e giocate decisive. A ripetizione, di fila. Una serie di sorrisi che sembrava essersi smarrita tra la fine della scorsa stagione e l’inizio di questa. Un periodo bifase, con al centro l’Europeo e l’assurda querelle su un contratto rinnovato di fresco, che quando si è iniziato a parlare non era nemmeno due anni. Certo, Insigne merita il rinnovo. Magari non alle cifre che sono circolate, e su cui abbiamo scritto tanto. tantissimo (qui l’ultima volta), ma ormai ha uno status riconosciuto che gli permetterebbe di guadagnare di più altrove. Di conseguenza, deve guadagnare di più anche a Napoli. Non si scappa.

Contratto

Insigne merita questo rinnovo proprio perché ha dimostrato di meritarselo. Perché, dopo l’inizio a marce ridotte, ha saputo recuperare le misure del professionista pure nel rendimento. Nel senso: si è sempre allenato bene, ha scazzato qualche volta per qualche sostituzione ma sono cose che rientrano nel gioco, e nel gioco del perssoaggio. Poi, si è tolto l’ossessione del gol dalla testa ed è diventato di nuovo un calciatore fondamentale per il Napoli. 

A Udine, una doppietta scacciacrisi. Per Insigne, e per il Napoli. Poi avrebbe segnato e segnato ancora, fino a San Siro, al Bernabeu, all’altra perla di ieri. Che si è consumata in un’altra giornata in cui è ricomparsa di nuovo l’idea del turnover, con Mertens in panchina nonostante il suo fuoco e le sue fiamme di questo 2017, e Pavoletti in campo. L’altro intoccabile, insieme all’intoccabile per antonomasia Callejon, è stato proprio Lorenzo Insigne. Come l’anno scorso, che Dries ha soprattutto scaldato la panchina. Della serie: anche Sarri sa che Insigne è indispensabile. Lo sa perché se n’è reso conto, lo sa perché l’ha sempre saputo.

Utile e dilettevole

Insigne ha saputo recuperare questa dimensione di insostituibilità, ha saputo metterci dentro l’upgrade dell’efficacia e dell’essere decisivo. Oltre che bello, ma quello non è mai mancato a Lorenzo. Il gol di ieri è la sintesi di tutto ciò: la giocata migliore, la più utile, è stata anche la più bella. Ma quella, se vogliamo, è solo la ciliegina. Una ciliegina gustosa, importante, che però va tu una torta di giocate utili e della solita tecnica sopraffina. Fa anche un assist, Insigne, ma nessuno se lo ricorda. Il bellissimo gol di Zielinski nasce da un suo tocco a liberare il polacco. Quant’è forte Insigne quando non vuole spaccare il mondo. Quando non ne ha l’ossessione.

Anche perché, poi, giocando giocando, ci riesce pure. Come ieri, col suo tiraggiro. Come a Madrid, come a Bologna e Milano. È Insigne il campione, anche se a volte un po’ irritante e intermittente. Solo che succede molto di rado, e sempre più di rado. Il punto di maturazione definitivo, forse.

Fonte: ilnapolista.it


SOCIAL
LEGGI ANCHE
20/10/2019 | 21:00 26
verona.jpg
Serie A
21/10/2019 | 08:00 32
milik.jpg
News
23/10/2019 | 14:00 12
redbull salisburgo.jpeg
Champions League