RUBRICHE

Testimoni di una passione
whatsapp
HOME » News » IL RITORNO DI UN AMICO

IL RITORNO DI UN AMICO

News
<br />
<b>Notice</b>:  Undefined index: titolo_news in <b>/var/www/vhosts/Z08526-calcionap.linp002.arubabusiness.it/calcionapolireporter.it/inc/reporter_news.php</b> on line <b>41</b><br />
News
News il blog di Lino Capasso

TAG

Pubblicato il 24/10/2017 | 15:04

CONTRO IL GENOA ECCO PANDEV

DA: Il Mattino


«Napoli e’ un bel pezzo di me, ho vissuto tre anni super. Con Mazzarri e Benitez mi sono divertito, avrei potuto vincere uno scudetto ma l’anno di Rafa sono state gettate le basi di questa squadra che adesso gioca il piu’ bel calcio d’Italia. Per un club e una tifoseria come quella azzurra conquistare solo la Coppa Italia e’ stato davvero poco. Ricordo con rabbia la Supercoppa a Pechino. Sono stati tre anni bellissimi, mi sarebbe piaciuto regalare ai napoletani il trionfo in campionato: con Cavani, Lavezzi era una gran bella squadra. Gli azzurri ora difendono anche bene, ed è per questo che insieme ad Inter e Juventus possono lottare per lo scudetto».

 

Sarri, dice Guardiola, e’ il simbolo della nuova Italia calcistica che ha messo da parte il catenaccio «Vero, ma noi all’Inter abbiamo vinto una Champions difendendo bene e ripartendo in contropiede. Quindi tanto male non e’ neppure il vecchio gioco all’italiana. A Londra con il Chelsea, in una delle notti storiche di quell’annata del Triplete, mi ritrovai a fare persino il terzino…».

 

A Insigne ha visto muovere i primi passi in azzurro: immaginava che diventasse cosi’ importante per il Napoli e l’Italia? «Mi ha sempre colpito la sua determinazione a voler vincere il campionato con la maglia della sua squadra del cuore. Ha sempre avuto grande talento ed era chiaro che aveva i numeri per diventare un campione. Poi ci sono Mertens, Callejon, uomini straordinari. Con il loro arrivo a Napoli hanno portato anche la mentalità’ vincente che avevano nei loro rispettivi club. Ora sono al top della loro maturità’. Mertens ha tutto per fare qualsiasi ruolo. Da prima punta e’ impressionante: ha forza, tecnica, caparbietà’. E non si arrende mai. Spero che sia lui a vincere il titolo di capocannoniere».

 

Con Benitez anche lei qualche volta ha fatto il falso nove? «Era tutto un altro modo di giocare a calcio. Questo Napoli, adesso, ha il miglior gioco di Italia. E tra i piu’ divertenti».


TAG


Molaro
DA QUESTO BLOG LEGGI ANCHE
30/01/2018 | 14:42
SI E' GODUTO LA VITTORIA COL BOLOGNA
20/01/2018 | 15:28
NIENTE ATALANTA, ANCHE CON LA TESSERA DEL TIFOSO
12/01/2018 | 15:24
A CASTEL VOLTURNO PER RIPARTIRE ALLA GRANDE